Abruzzolive.tv

In evidenza

Tradito dalle vacanze. Catturato il boss della 'ndrangheta Cuppari, latitante con base a Francavilla al Mare

Tradito dalla voglia di vacanze... "C’è qualche offerta per la settimana di Ferragosto?": è stata una chiamata per prenotare una villeggiatura a incastrare il boss, che aveva bisogno evidentemente di un periodo di riposo. La latitanza di Simone Cuppari, 36 anni di Brancaleone, inseguito da tre Procure ovvero L'Aquila, Pescara e Locri, condannato il 10 luglio scorso a 28 anni di reclusione dal Tribunale di Chieti per traffico di stupefacenti, è finita ieri pomeriggio alle 15.07 a Martinengo in provincia di Bergamo. Cuppari, capo della omonima cosca, elemento di spicco di un'associazione per delinquere di stampo mafioso dedita prevalentemente al traffico di sostanze stupefacenti, con fiumi di droga che arrivavano in Abruzzo, e riciclaggio, con base a Francavilla al Mare (Chieti) e ramificazioni in tutta Italia e che nell'organizzazione è considerato un 'vangelista', ovvero uno dei vertici della 'ndrangheta che partecipa alle riunioni dei comitati provinciali per le decisioni, è stato arrestato dai carabinieri del nucleo investigativo di Chieti. I militari lo cercavano da febbraio dell'anno scorso quando riuscì a scampare al blitz con 19 arresti che portò a smantellare una cellula 'ndranghetista in Abruzzo. Cuppari in quell'occasione riuscì a sfuggire alla cattura, ma da quel momento i carabinieri di Chieti non gli hanno dato tregua tenendo sotto controllo audio e video decine di utenze telefoniche e possibili nascondigli e soprattutto monitorando i movimenti fra la Calabria e l'aeroporto di Orio al Serio di alcuni personaggi che, come si è scoperto, portavano 'pizzini' nell'area bergamasca che raggiungevano in aereo per poi ripartire subito. Sì, perché i contatti con la Calabria lui, il boss, li teneva attraverso i classici 'pizzini' che facevano su e giù per l'Italia, via aerea. 

Lui, che pure non era solito chiacchierare al cellulare, è stato scovato proprio grazie ad una telefonata intercettata: quella con cui ha prenotato una vacanza per la settimana di Ferragosto che avrebbe dovuto trascorrere insieme a moglie e ai due figli in un resort di Eraclea Terme. Cuppari, che al momento dell'arresto non ha detto un parola, viveva in una palazzina a Martinengo, dove aveva preso in affitto un appartamento tramite un prestanome: a quell'ora era uscito forse per fare la spesa, ma i carabinieri avevano circondato l'intero edificio. L'operazione che ha portato alla cattura è stata illustrata a Chieti dal vice comandante della Legione carabinieri Abruzzo e Molise, il colonnello Antonio Buccoliero; dal comandante provinciale dell'Arma colonnello Florimondo Forleo e dal comandante del nucleo Era in un'abitazione dove da poco lo aveva raggiunto la famiglia con la quale si preparava a trascorrere sette giorni e sette notti in Veneto, in una "casa mobile", al prezzo di 1.585 euro. Sfuggito alla cattura nel mese di febbraio 2017 nel corso dell'operazione denominata 'Design', coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di L'Aquila e condotta dai carabinieri del comando provinciale di Chieti, era destinatario di altri due mandati di cattura scaturiti a seguito delle operazioni 'Sparta' e 'Banco Nuovo', condotte dai carabinieri di Pescara e di Locri. 
01 agosto 2018


Nella foto Cuppari portato via dalla caserma
@RIPRODUZIONE VIETATA

Numero visite 1946

Commenti

Servizi correlati

VIDEO live. Carabinieri sequestrano 'tes ...
VIDEO. Lanciano, Luigi Ciotti: 'La corru ...
VIDEO. Lanciano, don Luigi Ciotti... tra ...
VIDEO. Storie di attentati e Costituzion ...
VIDEO. Legalita' e giustizia: ecco il gr ...
'La mafia non usa piu' la lupara, e' dov ...
Video. Abruzzo, camorra infiltrata per l ...
'Storie' - 'Falcone, Borsellino e io': l ...
Lanciano, 'il silenzio della mafia fa an ...
'Mio fratello, Giovanni Falcone, ha vint ...
Scoprendo Giovanni Falcone: gli scolari ...
VIDEO. Rita Borsellino: 'Cerchiamo ancor ...

Articoli correlati

San Vito Chietino. Valgono oltre tre mil ...
San Vito Chietino. Sequestrati villa e t ...
Lanciano. Arrivano i produttori delle te ...
Lanciano, donne contro la mafia... Al Ca ...
I proventi della coca investiti nel turi ...
Mafia, armi e traffico di droga: 25 arre ...
Catturato boss camorra: non era rientrat ...
Agromafie: in 430 mila vittime del capor ...
'Cento passi ancora'... A Vasto gli amic ...
Agromafie, un business da 16 miliardi di ...
'Ndrangheta, 19 arresti tra Chieti e Reg ...
Camorra, gestiva clan dai domiciliari in ...
Guerre tra clan nel Vastese, albanese g ...
Camorra a L'Aquila: arrestato un armiere ...
Lanciano, Movimento Agende Rosse: il 26 ...
Nasce a Lanciano il Movimento Agende Ros ...
Catturato il camorrista evaso da carcere ...
L'Abruzzo e i tentacoli di Cosa Nostra: ...
Editrice "Cenere di rosa" P. Iva 02140060696 - Testata giornalistica registrata al Tribunale di Lanciano n. 183 del 23.10.2008
Abruzzolive.tv - Vico 2 Ravizza, n° 15 - 66034 Lanciano (Chieti)
Redazione studi televisivi - Contrada Severini, n° 2 - 66030 Treglio (Chieti)
Tel. e Fax 0872.716346 (Cell. 389.9632577) - Pubblicità 0872.716346
Direttore responsabile: Serena Giannico
Direttore editoriale, Responsabile marketing: Massimiliano dott. Brutti
All rights reserved - redazione@abruzzolive.tv